Nel momento in cui il dispositivo eroga la scossa elettrica finale, sarò privo di sensi...

Nina Martin sapeva, fin dalla sua diagnosi di aritmia cardiaca, che la sua vita poteva finire in qualsiasi momento. Tuttavia, lei lo trova positivo.

Intervista sulla morte improvvisa

Prima il calciatore Christian Eriksen, che è crollato all'improvviso, poi l'uomo che è morto nel tram mentre andava al lavoro la scorsa settimana e ha viaggiato per sei ore attraverso Zurigo senza che nessuno si accorgesse della sua morte. Cosa le passa per la testa quando accadono eventi del genere?

Come la maggior parte delle persone, all'inizio ero scioccato. Ma posso anche empatizzare molto bene, perché ho sperimentato in prima persona cosa si prova quando il tuo corpo ti abbandona improvvisamente. Ma sono contento di essermi reso conto così presto che la vita è finita.

Ma questo lo sappiamo tutti. Perché siamo sempre così stupiti?

Bella domanda. Io stesso mi sono sorpreso di quanto fossi sorpreso. Quando succede qualcosa come Eriksen, tutti annuiscono consapevolmente e forse dicono qualcosa come "La vita è breve" e sembrano preoccupati e poi cambiano argomento. Pochissime persone capiscono davvero.

La propria finitezza deve essere sempre presente nella mente?

Sì, ci vedo un sacco di positività. Perché ti chiedi sempre se sei felice della tua vita. Mi chiedo solo come riuscite a tenere a mente la vostra finitezza.

Puoi?

Sì, ho un vantaggio sleale, però, perché ho un defibrillatore dentro di me. Quando il mio cuore va fuori ritmo nel mezzo, è come se qualcuno mi colpisse il cuore. Succede in tutti i tipi di situazioni. A fare shopping, nell'ufficio a casa, nella sala d'attesa. Ho un memento mori incorporato, per così dire.

Ma è deprimente pensare sempre alla morte.

Sì, è anche un argomento piuttosto spaventoso. Ma dopo la mia diagnosi ho capito che la morte non è solo morire, soffrire o piangere, ma ha anche molto a che fare con la vita. Ho deciso di affrontare questo aspetto positivo. Voglio cercare di scoprire cos'è una vita degna di morire.

Sei svenuto e quasi morto circa 25 volte da quando eri un adolescente.

Sì, ma per molti anni hanno pensato che fossero crisi epilettiche. Non mi è stata diagnosticata l'aritmia cardiaca fino alla metà dei miei 20 anni. Da allora, il mio defibrillatore mi ha riportato indietro alcune volte. Quindi posso essere molto specifico sui giorni in cui sarei potuto morire statisticamente.

Per leggere questo articolo per intero, è necessario un abbonamento.

https://www.tagesanzeiger.ch/w...

Fonte: SonntagsZeitung, Pubblicato: 03.07.2021, Denise Jeitziner, Foto: Jana Grasselt

I migliori defibrillatori

Defibrillatori che hanno dato prova di sé nel corso degli anni.

defibrillatore-pad-automatico

PAD automatico

Il defibrillatore ad accesso pubblico (PAD) intelligente di ultima generazione con caratteristiche...

defibrillatore-lifepak-cr2

LIFEPAK CR2

Grazie al suo funzionamento semplice e ai simboli autoesplicativi, il defibrillatore LIFEPAK CR2 è particolarmente...

defibrillatore pad semi-automatico

Defibrillatore PAD

Il defibrillatore ad accesso pubblico (PAD) intelligente di ultima generazione con caratteristiche...

defibrillatore-heartsine-500p

HeartSine samaritan 500P

Defibrillatore laico con feedback sulla RCP

defibrillatore-zoll-aed-3-cpr-feedback

ZOLL AED 3

Defibrillatore con tecnologia Real CPR Help che aiuta i primi soccorritori a eseguire una RCP di alta qualità....

defibrillatore pad pro

PAD Pro

Un defibrillatore unico per laici e professionisti del settore medico

Tutti i defibrillatori